Nasiya, gandusha
e karnapurana

 

La somministrazione di medicinali attraverso la via nasale è nota come Nasiya.
“Chi pratica questa terapia per lungo tempo, gli occhi, il naso e le orecchie, non saranno intaccati da alcuno stato patologico. I suoi capelli e la barba non diventeranno mai bianchi o grigi. Egli non avrà mai l’esperienza della caduta dei capelli, questi cresceranno lussureggianti. Vengono curate malattie come torcicollo, mal di testa, paralisi facciale, artrosi mandibolare, riniti, emicrania e tremore alla testa, legamenti e tendini della testa del collo guadagnano una maggior forza. Gli organi di senso diventano chiari. Malattie collegate alla testa e al collo non sopravverranno all’improvviso. Pur con il sopraggiungere dell’età anziana la testa appare non subire gli effetti del tempo.” Caraka samhita, Sutrasthana 56-62; cfr. C.S. pp. 119-120

Sebbene la procedura e la preparazione del nasiya sia breve e semplice, esso ha un ruolo importante in molti trattamenti per la zona sopra il collo, infatti la narice è l’apertura più semplice e vicina per somministrare i medicinali in tutta la cavità del cranio. In questo modo, i medicinali applicati, possono efficacemente spargere la loro forza in tutta la testa e in alcune parti del corpo sia direttamente attraverso i nervi, sia attraverso altri canali.
Altre info su: www.panchakarmatoscana.it

E’ consigliabile in caso di rigidezza della mandibola, rinite cronica, adenoidi, pigmentazione sul viso, ranulla o ciste salivare, disturbi del collo, disturbi delle spalle e spalle doloranti, mal di testa, disturbi di odontoiatria, come mancanza di stabilità dei denti e caduta dei denti, tumori maligni, disartria, caduta dei capelli e grigiore prematuro dei capelli, mal d’orecchi e ronzio auricolare, cataratta progressiva, sudorazione anomala, disturbi del naso, colpo della strega, invecchiamento prematuro della pelle.
A completezza del corso verranno insegnate le terapie rimanenti della bocca e delle orecchie come:
Gandusha e Kabala sono i trattamenti che vengono somministrati per bocca. Gandisha significa “riempire la bocca con oli medicati, decotto o pasta di erbe medicinali senza alcun movimento”, mentre Kabala è un processo di gargarismi ripetuti con un decotto od olio. Possono essere praticate nella vita quotidiana per mantenere una buona igiene personale e una buona salute della bocca. E’ anche consigliabile per il mal di testa, disturbi delle orecchie, occhi e gola, paralisi, mal di denti, vari problemi dentali, secchezza del viso, nausea, sonnolenza, insonnia, rinite.

Karnapurana è la procedura attraverso la quale si lascia cadere olio medicato all’interno dell’orecchio.
Può essere utilizzato sia a scopo preventivo per mantenere elastiche le strutture interne dell’orecchio, sia per risolver alcune problematiche dell’orecchio, testa e cervicale, come: dolore all’orecchio, ronzii, mal di testa, mandibola a scatto, ipoacusia, dolori al collo.

A CHI È RIVOLTO
Ai medici e terapisti che vogliono ampliare e corredare l’ayurveda con nuove conoscenze.

COSA IMPARERAI
Teoria
Indicazioni e controindicazioni dei 5 tipi diversi di nasiya che vengono classificati diversamente a secondo della composizione delle erbe usate nella medicazione.

Pratica
Corretta somministrazione di tutte le terapie sopraelencate.

A CHI È CONSIGLIATO QUESTO CORSO
A medici e terapisti che vogliono risolvere problematiche altrimenti non risolvibili con il solo massaggio.

LE OPINIONI DI CHI HA PARTECIPATO AI MIEI CORSI

Un grosso grazie a tutti e due per tutto quello che mi avete dato. A te Yojan per la tua delicatezza, per la tua esperienza e per tutto quello che mi hai trasmesso. Francesca – giugno 2006

 

 

Translate »