La dieta in gravidanza secondo l’ayurveda

La gravidanza è un momento meraviglioso nella vita di una donna. I preziosi nove mesi hanno un enorme impatto sul benessere fisico e mentale della madre e del bambino. Si deve quindi mirare a fornire consigli confortanti  in questo momento.

Nell ‘antico sistema Ayurvedico vi è una sezione molto particolareggiata per quanto riguarda la cura in gravidanza.

Questa sezione è nota come “Garbhini Parichaya” ed include consigli su dieta, stile di vita, sonno e stato mentale. Tutte queste condizioni influenzano la salute materna, lo sviluppo fetale,  l’allattamento e la capacità di recuperare rapidamente dopo il parto.

Le diverse fasi della gravidanza sono suddivisi in trimestri, in cui i bisogni della madre e del feto  sono molto specifici.

La dieta è la parte più importante in gravidanza. L’energia della dieta serve sia alla madre, come ad esempio alla formazione del latte  ma anche ad altre funzioni importanti, come il nutrimento dell’utero.

E’ importante capire che le donne in gravidanza hanno bisogno di una dieta equilibrata con un grande valore nutritivo.

Una negligenza nella fase della dieta, può creare grandi problemi come: aborto spontaneo, parto prematuro e la nascita anche di bambini malnutriti e sottopeso.

La dieta Ayurveda suggerita è più o meno in linea con i suggerimenti della medicina moderna, si consiglia infatti per la gravidanza cibi con alte proteine, vitamine e minerali.

Una regola fondamentale della dieta è mangiare pasti puntuali che sono facili da digerire e il cibo deve essere consumato caldo dopo essere stato preparato al momento.

Durante il primo trimestre di gravidanza il feto è nel suo stato formativo. Durante questo periodo l’embrione si alimenta direttamente, pertanto, si raccomanda cibi più liquidi come latte, zuppe, acqua di cocco e succhi di frutta. Il latte caldo e una dieta leggera devono essere seguite durante il primo mese.
Il latte è un alimento ideale in quanto è una fonte di calcio, lattosio e burro grasso, insieme alle proteine che hanno proprietà anabolizzanti. Il  latte può essere aromatizzato con una miscela di polvere di cardamomo, mandorle, zenzero. Le donne in gravidanza non dovrebbe essere mai essere stitiche e il latte aiuta in questo disagio . Due bicchieri al giorno sono l’ideale.

Durante il secondo e terzo mese, al latte medicato vanno aggiunte alcune erbe importanti come la Yashtimadhu (liquirizia), la Vidari (morning glory), il Brahmi (Bacopa), o la Shatavari (asparagi)

Il latte può essere bevuto anche con miele e ghee, soprattutto durante il terzo mese.

Si posso assumere anche integratori in polvere come il Brahmi perché sostiene la  forza vitale e calma il sistema nervoso.  Alla fine del primo trimestre il feto si è sviluppato maggiormente, il battito del cuore è udibile e le azioni motorie si percepiscono .

Durante il trimestre successivo (quarto, quinto e sesto mese), il cibo raggiunge il bambino attraverso il cordone ombelicale .

Si consiglia una dieta sana come il riso, le verdure a foglia verde, ancora il latte, il ghee, i legumi, le noci,  frutti di colore giallo e arancione come uva, mele, arancia, carote o succhi di frutta.

Nel  quarto mese si formano i tessuti corporei (chiamati dhatu in ayurveda). Questo è il momento di includere più di burro non salato e cristalli di zucchero nella dieta.

Attraverso il quinto mese si dovrebbe assumere almeno 7/8 cucchiai di ghee. Questa è la fase di sangue e la formazione dei muscoli.

Nel sesto mese, si forma il tessuto adiposo. E ‘ideale per ghee medicato con erbe zuccherate come la liquirizia o la shatavari. Questo può essere consumato nelle prime ore del mattino a stomaco vuoto. Lo stesso regime può essere continuato fino al settimo mese.

Dal quarto al settimo mese di integratori a base di erbe come guduchi e ashwagandha devono essere consumati dalla madre. Questi fortificano l’embrione, rafforzando i muscoli uterini e prevengono qualsiasi tipo di pericoloso ritardo di crescita intrauterina.

Nel corso del settimo mese la crescita fetale è completa. Gli organi sono definiti, pelle, unghie e capelli iniziano a comparire. Il bambino ha bisogno della corretta alimentazione ancora di più in questa fase per guadagnare forza.  Grassi, sale e acqua possono essere ridotti, ma il riso con il ghee è una dieta superba in questo momento. Il basilico (che ha delle proprietà antispasmodiche) può essere utilizzata per guarnire cibi ed insalate. Si può anche provare altre erbe come il ginseng che agisce come diuretico mite e antisettico urinario.

Con l’ottavo mese la madre può consumare dolci preparazioni  come budini di riso o halwa e possono essere mangiati  una volta al giorno.

La donna incinta può anche indulgere in 2-3 porzioni di alimenti ricchi di calcio ogni giorno come i semi di soia, uva passa, datteri, verdure a foglia verde.

La madre può anche provare anuvasan basti, un clistere a base di erbe. Questo è importante per il feto per acquisire una posizione normale .

Diversi tipi di ghee devono essere ancora parte integrante della dieta.

Le donne possono provare phala sarpis, Ghritam dadimadi per la crescita del feto e kalyanaka gritam per lo stimolo mentale del bambino nel grembo materno.

Al momento del parto si consiglia sukhaprasava ghee che favorisce un parto facile del bambino.

Questi sono alcuni dei segreti alimentari arrivati a noi da più 5.000 anni fa.

Translate »